Skip to main content

Il nemico silenzioso sta arrivando…sei pronto a combatterlo?

gestione micotossine

Le micotossine o i metaboliti prodotti da alcune specie di muffe possono avere proprietà tossiche che influenzano la salute e le prestazioni degli animali. Le micotossine sono una preoccupazione costante e globale per quanto riguarda la qualità dei mangimi e la sicurezza degli animali.

 

La sviluppo delle micotossine può verificarsi in campo, durante il raccolto e/o durante lo stoccaggio degli alimenti.

Sapevi che….

Gli effetti delle micotossine nei ruminanti sono innumerevoli ed includono: cambiamenti nel comportamento alimentare, funzioni alterate del rumine, danni all’intestino, alterazioni del sistema endocrino, depressione del sistema immunitario.

È importante ricordare che bassi livelli di micotossine multiple possono rappresentare comunque un rischio per l'animale.

 

Alcuni consigli

  1. Prevenzione: Il primo passo dovrebbe essere quello di agire prima che si verifichi il problema.

Un elenco di raccomandazioni per tentare di limitare la presenza di micotossine nel mais è stato pubblicato dal North Carolina State University College of Agriculture and Life Sciences.

I passaggi suggeriti includono:

  • Semine precoci
  • Ridurre lo stress da siccità
  • Ridurre al minimo il danno degli insetti
  • Raccolta precoce
  • Evitare danni al nocciolo durante il raccolto
  • Asciugare e conservare correttamente il mais
  • Smaltimento degli scarti del mais invece di somministrarli agli animali

 

  1. Utilizzo di ibridi: la scelta di ibridi resistenti alla contaminazione di micotossine può ridurre il rischio e/o la gravità dell'infezione. Alcune malattie possono anche essere trasmesse dai semi, quindi, è importante essere selettivi con gli ibridi.

 

  1. Rotazione delle colture e lavorazione del terreno: considerando che i funghi e le spore possono svernare nel suolo e nei residui delle colture, si raccomanda un aumento della lavorazione del terreno e della rotazione delle colture per aiutare a controllare la potenziale contaminazione delle micotossine. La rimozione, la combustione o l’interramento dei residui delle colture favoriscono la riduzione del Fusarium, che potrebbe influire sul raccolto successivo.

 

 

  1. Data di impianto: la data in cui vengono piantati semi o piantine può anche influenzare la contaminazione del raccolto. Idealmente, lo stadio di fioritura del raccolto e il rilascio di spore non dovrebbero verificarsi contemporaneamente, al fine di ridurre le possibilità di infezione. Tuttavia, i cambiamenti climatici potrebbero mettere alla prova qualsiasi vantaggio manifestato sincronizzando in modo appropriato la piantagione.

 

  1. Nutrizione delle piante: le piante ben nutrite hanno difese più efficienti. Un programma di fertilizzanti proattivo, accompagnato dalle buone pratiche elencate sopra, può aiutare a ridurre la necessità di interventi chimici come pesticidi a stagione inoltrata.

 

  1. Gestione del rischio: le pratiche di gestione in campo possono aiutare a rendere gestibile un problema ingestibile, ma nessun approccio è efficace al 100% e una nuova contaminazione può verificarsi in più punti, anche durante il trasporto e lo stoccaggio. Di conseguenza, il rischio di micotossine deve essere valutato e affrontato lungo tutta la catena alimentare.

 

  1. Gestione del problema: purtroppo, a volte, capita che, nonostante si siano messe in pratica tutte le precauzioni per ridurre lo sviluppo di micotossine, gli alimenti risultino contaminati. È consigliabile utilizzare un captante di micotossine che abbia un basso dosaggio, lavori a largo spettro (ovvero sia in grado di catture il maggior numero di tossine presenti anche se a bassissimo dosaggio), sia stabile ai diversi pH e agisca velocemente.

 

Per maggiori informazioni visita il sito https://www.alltech.com/italy/gestione-micotossine

Voi maggiori informazioni? Contattaci! https://www.alltech.com/italy/contattaci